Controllo accessi IOT

Controllo accessi IOT

Mettete assieme un pc, alcuni lettori RFID, degli interruttori relè, il software Rilevatore Virtuale e qualche ora di lavoro per inserire una personalizzazione ed ecco pronto un sistema di controllo accessi IOT(internet of things). Ho realizzato questo “cocktail” per un cliente che aveva la necessità di gestire alcuni spazi di coworking, non presidiati, prenotabili online tramite un’applicazione già avviata, ed ora ve ne parlo.

Progetto controllo accessi iot

ControlloAccessiIOT-Progettazione

Il cliente gestisce uno spazio di coworking la cui entrata non può essere presidiata in modo continuativo. La sua esigenza è quindi quella di poter far entrare i vari clienti solo in orari prestabiliti in base alle prenotazioni eseguite tramite un apposita piattaforma web. Ed essere informato se l’uscita avviene dopo l’orario prenotato in modo da poter addebitare all’utente lo sforo. 

Mi ha chiesto se la soluzione Rilevatore Virtuale poteva fare al caso suo e la mia risposta è stata:

Certo basta inserire una modifica al programma per farlo interagire con il database del sistema di prenotazione ed il gioco è fatto!

Esecuzione del lavoro

Controllo accessi IOT Lavori

E così è andata!

Il Rilevatore Virtuale dispone già di una funzione per la gestione delle prenotazioni, mi è bastato pertanto andare ad aggiornare ciclicamente la tabella relativa a questa funzione con i dati presenti nel database online del cliente

Stessa cosa per quanto riguarda gli alert inviati nel caso in cui l’uscita avvenga dopo l’orario previsto.

tutto qua…:-)

L’ingresso e l’uscita al locale è stato gestito con due lettori di badge RFID e l’apertura della porta tramite un apposito relè che va ad azionare l’interruttore elettrico della stessa.

Ecco quindi l’internet delle cose(IOT) applicato al controllo accessi.

Una soluzione di questo tipo fino a qualche anno fa sarebbe stata inaffrontabile per una realtà medio piccola, ed ora invece grazie alla duttilità del Rilevatore Virtuale è possibile!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *