Orario di lavoro variabile

Gestire un orario di lavoro variabile

Esistono realtà in cui è necessario gestire un orario di lavoro variabile da una settimana all’altra, ciò può essere fatto con RiPre, in due diversi modi, vediamoli.

Primo tipo di orario variabile

Il primo sistema è il più semplice e comodo ma anche il meno preciso.
Consiste nel creare un orario settimanale “libero” in cui non vengono evidenziati straordinari o assenze ma semplicemente ore ordinarie in ogni giorno lavorato.

Per impostare questo tipo di orario cliccare il menu

Orario di lavoro variabile fisso
All’apertura della finestra inserire una nuova riga con l’apposito pulsante

Orario di lavoro variabile Nuovo
Dopo di che spuntare le giornate in cui il lavoratore potrà svolgere la propria attività e inserire il valore zero come numero di ore in ognuna di esse.

Orario di lavoro variabile Fisso flessibile
Con una struttura oraria di questo tipo non verranno segnalate assenze o imputati straordinari, ma verranno considerate solo le ore effettivamente lavorate.

Secondo tipo di orario variabile

Vediamo ora la seconda possibile soluzione al problema degli orari variabili offerta da RiPre.
Questa tipologia di settaggio si compone di 2 orari di lavoro uno fisso settimanale ed uno variabile.
Quello fisso è la base di orario che viene usata più di frequente, a questo si può sostituire il variabile.
Quindi nel caso in cui per un giorno sia presente l’orario variabile quest’ultimo è quello che viene preso in considerazione dal programma, altrimenti verrà preso per buono il fisso.
In tal modo si riducono al minimo i turni variabili.

Per l’inserimento degli orari fissi avete già visto come fare sopra e nella guida generale RiPre.

Per gli orari variabili invece si inizia cliccando il menu

Orario di lavoro variabile menu
Si apre così questa finestra
Orario di lavoro variabile finestra
Per prima cosa va selezionata, se presente, o inserita la tipologia di orario tramite l’apposita casella presente nella prima riga

Orario di lavoro variabile categoria
Fatto ciò selezionare l’anno e il mese di cui vogliamo inserire l’orario e cliccare “Conferma”

Orario di lavoro variabile anno e mese
Verrà così creato un elenco contenete tutte le giornate del mese.

Orario di lavoro variabile giorni
A questo punto possiamo inserire per ogni giorno un diverso orario di lavoro
Orario di lavoro variabile turno
Oppure un quantitativo di ore giornaliere
Orario di lavoro variabile ore
Inseriti i suddetti parametri(uno è alternativo all’altro quindi non vanno inseriti entrambi) possiamo:
1. Salvare il giorno selezionato;
2. Salvare questa giornata per tutto il mese spuntando l’apposita checkbox

Orario di lavoro variabile mese
In questo modo possiamo impostare, ad esempio, tutti i lunedì del mese con lo stesso orario di lavoro.
3. Se però questa giornata lavorativa si ripeterà anche per i mesi a venire allora dobbiamo spuntare la seguente checkbox indicando ovviamente l’anno e il mese in cui si concluderà questa tipologia di orario.

Orari di lavoro mensili

Questo lavoro di configurazione andrà fatto per tutte le giornate variabili.

Terminato ciò aprire l’elenco dei lavoratori
Orario di lavoro variabile lavoratori menu
Per ogni lavoratore a cui vogliamo assegnare la tipologia di turno appena creato, va selezionata la relativa riga, modificata la seguente voce

Orario di lavoro variabile voce tipologia
E cliccato il pulsante “Salva”.

Buon lavoro 🙂

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *